SAN SEVERO – DOPPIO APPUNTAMENTO CULTURALE VENERDI’ 23 GIUGNO ALLA LIBRERIA ORSA MINORE

VENERDÌ 23 GIUGNO 2017 – ORE 19

DOPPIA PRESENTAZIONE

 

ALESSANDRA APPIANO
TI MERITI UN AMORE(Cairo, 2017)
NANNI DELBECCHI

GUIDA AL GIRO DEL MONDO

(Bompiani, 2017)

a colloquio con

LUCIANO CIAVARELLA

Ispirato a un fatto di cronaca nera, l’assassinio di Gloria Rosboch, l’insegnante torinese di 49 anni uccisa il 13 gennaio del 2016 dal suo ex allievo Gabriele Defilippi, Ti meriti un amore racconta di come, a un certo punto dell’esistenza può capitare, in modo del tutto inaspettato, di trovarsi catapultati in un territorio sconosciuto grazie a una passione sconvolgente, improvvisa. A vivere un’esperienza del genere sono due donne molto diverse. Cinzia è una donna a metà della vita, con ottime frequentazioni, un buon matrimonio e un lavoro creativo nella Milano che conta. Non è felice, ma nemmeno può dirsi infelice. Emma invece vive ancora con i genitori, mentre le sue coetanee hanno già figli grandi, non ha mai conosciuto l’amore e abita in un paesino dove tutti sanno tutto di tutti. Insomma, una vita impresentabile, la sua, come lei stessa la definisce. Cinzia ed Emma sono amiche dai tempi dell’università, anche se si sono perse di vista, ma dopo tanti anni le loro voci tornano ad ascoltarsi, le parole a toccarsi, i destini a intrecciarsi. Di nuovo come quand’erano ragazze. Fino all’epilogo sorprendente, violento, assurdo, che sa tanto di vita vera.

Alessandra Appiano è scrittrice, giornalista, conduttrice e autrice televisiva. Con il suo primo romanzo Amiche di salvataggio (Sperling&Kupfer) sono arrivati il successo di pubblico e il premio Bancarella 2003. Sono seguiti  Domani ti perdonoScegli meLe vie delle signore sono infiniteLe belle e le bestieIl cerchio degli amori sospesi e Solo un uomo. Collabora con numerose testate giornalistiche, per Donna moderna e Nuovo recensisce libri, mentre su Il fatto quotidiano.it scrive di volontariato. Invitata spesso nei talk show della tv in veste di opinionista (Mattino 5La vita in direttaTorto o ragione?Unomattina), per il suo impegno nel sociale le è stato assegnato l’Ambrogino d’oro nel 2013 e dal 2015 è ambasciatrice Oxfam Italia.

 

 “Ci sono i gialli, i rosa, i neri, da un po’ di tempo anche i grigi nelle 50 e più sfumature. Guida al giro del mondo è un verde. Per la precisione, un verde shetland. Dico sul serio. Verde shetland è il colore della vecchia R4 con cui due amici ormai cinquantenni decidono di intraprendere il loro scombinato giro del mondo senza nessun itinerario prestabilito né particolari aspettative – ci si può pentire delle decisioni che abbiamo preso noi, non di quelle che ha preso il caso. Insomma: senza alcuna impresa da compiere, se non quella di andare a farsi un giro. Del mondo.
Due uomini e un’R4 verde shetland, colore di confine più che di lontananza, punto d’incontro tra la speranza e la nostalgia. Sei mesi da picari, da flaneur, da clochard… Ventimiglia, Nador, Comporta, Buenos Aires, L’Avana, Saigon, Bangkok, Zanzibar, Lisbona… A ogni capitolo nuovi incontri, nuovi scenari, nuove riflessioni sulla vita nomade, nuove avventure. Ogni capitolo è un colpo di spugna. Tutto riparte da zero, più di quanto non accada di solito nei racconti di viaggio, perché un viaggio è una fuga verso una meta, ma un giro del mondo è una fuga senza fine, finché non ci si ritrova a passare dal Via!”

 

Nanni Delbecchi, lucchese di nascita e milanese di adozione, è diventato giornalista con Indro Montanelli, prima al “Giornale”, poi alla “Voce”, e oggi scrive per “Il Fatto Quotidiano”.

È autore tra l’altro dei reportage narrativi “I giocatori” (2000) e “Il signor Ikea” (2007).

 

Potrebbero interessarti anche...