1.281 visualizzazioni

SAN SEVERO – VENERDI’ 11 GENNAIO “NOTTE NAZIONALE DEL LICEO CLASSICO 2019”

Venerdì 11 gennaio 2019, dalle ore 18:00 alle 24:00, il Liceo Classico “M. Tondi” realizzerà e ospiterà, così come altri 433 Licei Classici di tutto il territorio nazionale, l’evento più atteso da tutti gli studenti, i docenti e gli ex alunni degli stessi, ossia la V Notte Nazionale del Liceo Classico edizione 2019.

   Gli studenti del Liceo Classico “M.Tondi”, accompagnati dalla supervisione del personale docente, produrranno nel corso della serata, performances quali rappresentazioni teatrali, letture animate, concerti, mostre fotografiche e di arti pittoriche, degustazioni ispirate al mondo antico e contemporaneo, conferenze, dibattiti, letture di poesie in italiano e lingua straniera e molto altro.

   La Notte Nazionale del Liceo Classico, è da ricordare, è nata da un’idea del prof. Rocco Schembra, docente di Latino e Greco presso il Liceo Classico Gulli e Pennisi di Acireale (CT), che ha sensibilizzato i media sulla questione dell’importanza degli studi classici, riuscendo a ottenere l’approvazione ministeriale per realizzare tale evento.

La Notte Nazionale del Liceo Classico, infatti, ha prestigiosi sponsors nazionali, quali il MIUR- Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, RAI Cultura, RAI Scuola e l’AICC- Associazione Italiana di Cultura Classica fondata nel 1897.

   Accanto a tali sponsors nazionali, il Liceo Classico “M. Tondi” di San Severo, al fine dell’ottima realizzazione dell’evento, si avvarrà del sostegno non solo del Comune di San Severo-Assessorato alla Cultura, ma anche di alcune associazioni culturali attive sul territorio urbano quali l’UNESCO, il Rotary Club di San Severo, l’INNER WHEEL di San Severo, il Touring Club Italiano di San Severo, l’Archeoclub di San Severo, il CDR-Storia Capitanata e l’Associazione Culturale “La Strada dei Sapori”.

   Elemento fondamentale della V Edizione della Notte Nazionale del Liceo Classico di San Severo è, però, il tema deliberato dall’inventiva e dalla creatività del personale docente e degli studenti, ossia l’Uomo e l’Ambiente, con cui si intende, inoltre, celebrare i 70 anni della Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo.

Partendo dal pensiero dei grandi filosofi e storici del mondo greco come Platone e Tucidide, passando attraverso il padre della letteratura italiana Dante Alighieri, abbracciando la poetica di Leopardi, il pensiero Romantico, la distopia novecentesca, affrontando il discorso intorno ai fattori umani, la globalità, la biodiversità, la questione ecologica, la questione alimentare, gli studenti del Liceo Classico “M. Tondi”, coadiuvati dai propri docenti di riferimento e dalla presenza di insigni ospiti provenienti da diverse università italiane, daranno vita a performances significative ed emotivamente coinvolgenti.

  Fine della Notte Nazionale del Liceo Classico “M. Tondi”, quindi dei suoi attori, è spingere a una riflessione sull’uomo e sul suo avere perso di vista la realtà: credendo di essere padrone dell’universo, di imporre le proprie leggi, l’uomo, infatti, ha solo dichiarato la sua sconfitta. Vita e ambiente sono senza alcun dubbio un binomio inscindibile e l’umanità ha il dovere di ritrovare se stessa, di ri-creare rapporti leali, di ricucire strappi, di sviluppare sistemi d’interazione e di solidarietà con l’ambiente. La “modernità”, purtroppo, ha impoverito culturalmente l’uomo condannandolo a un immobilismo regressivo. Solo ridando spazio al bene comune, alla storia collettività, al desiderio di creare condizioni di vita compatibili con quella bellezza che ci è stata donata con grande magnanimità, l’uomo non avvertirà più il peso della sua solitudine e come scrisse Joe Miller in una poesia:

   “Se la terra avesse un diametro di pochi metri, se potesse galleggiare su un piccolo campo, la gente arriverebbe da ogni luogo per vederla; le girerebbe attorno, ammirerebbe i suoi grandi e i suoi piccoli stagni, e l’acqua che vi scorre in mezzo. Ammirerebbe i suoi rilievi e le sue cavità. Ammirerebbe lo strato sottile di gas che la circonda e l’acqua sospesa nel gas. Ammirerebbe gli esseri viventi che camminano sulla sua superficie e quelli che dimorano nelle sue acque. La dichiarerebbe sacra perché sarebbe unica e la proteggerebbe perché non venisse ferita. La terra sarebbe la più grande delle meraviglie conosciute e la gente verrebbe per pregare davanti a lei, per essere guarita, per avere il dono della conoscenza, per capire la bellezza, e per chiedersi com’è possibile realizzarla. La gente l’amerebbe e la difenderebbe con la propria vita, perché saprebbe che la propria vita non sarebbe niente senza di essa. Se la terra avesse un diametro di pochi metri”.

Il Liceo Classico “M. Tondi” di San Severo, nella persona dei suoi docenti e alunni, è, inoltre, l’unico istituto, in tutto il territorio nazionale, che affronterà il tema tanto importante de “l’ecologia umana”, intesa come rapporto “ambientale, sociale e umano”, con la chiara intenzione di sensibilizzare a un nuovo approccio ecologico attraverso cui l’uomo si possa integrare davvero con la natura circostante.

Il Liceo Classico “M. Tondi”, dunque, autentica palestra di argomentazioni, è e sarà sempre comunità di ricerca aperta al territorio, laboratorio di riflessione, spazio di fiducia per l’implementazione di modi di pensare inediti e sede, così come insegnatoci dai classici, in cui formare cittadini non passivi ma capaci di contribuire al processo di soluzione di sfide globali sempre più interconnesse.  

 

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

1.281 visualizzazioni