SAN SEVERO – DOMENICA 17 MARZO AL MAT IL CONVEGNO “IL VALORE DEL RISPETTO”

408 visualizzazioni

Domenica 17 marzo 2019 al MAT Museo dell’Alto Tavoliere di San Severo si svolgerà il Convegno “IL VALORE DEL RISPETTO“, valore declinato in alcune delle sue principali connotazioni: nei confronti delle persone, attraverso le relazioni interpersonali e la comunicazione verbale, nonché nei confronti del patrimonio culturale, inteso come bene comune da difendere in quanto espressione e simbolo di una comunità. Il Convegno, che avrà inizio alle ore 10.00, vedrà il coinvolgimento su questo importante tema di tre insigni relatrici.

 PROGRAMMA
h 10.00

Prof.ssa MARINA D’AMATO, Professore ordinario di Sociologia generale e Sociologia dell’educazione e dell’infanzia, Facoltà di Scienze della Formazione, Università Roma 3
Rispettare e Rispettarsi. Fondamenti della convivenza
Prof.ssa LIA GIORGINO GISOTTI, già Docente di Metodologia e Tecnica del lavoro di gruppo, Facoltà di Scienze della Formazione, Università degli Studi di Bari Aldo Moro 
Educare al rispetto: il valore della parola
Prof.ssa FRANCESCA SOGLIANI, Docente di Archeologia Medievale e Cristiana e Direttrice della Scuola di Specializzazione Beni Archeologici di Matera, Università della Basilicata
Il rispetto del patrimonio culturale: difendere la conoscenza e l’identità
Modera i lavori del convegno la Direttrice del MAT Museo dell’Alto Tavoliere, dott.ssa Elena Antonacci
SIETE TUTTI INVITATI!
Il Convegno “Il VALORE DEL RISPETTO” è organizzato in sinergia tra il Distretto 210 Italia – International Inner Wheel, che sviluppa, in questo anno sociale, il tema “EDUCARE AL RISPETTO” ed il MAT Museo dell’Alto Tavoliere, che da anni porta avanti, nella propria programmazione, la tematica dell’Altro e dell’Altrove e sensibilizza, attraverso le proprie collezioni permanenti, il rispetto del Patrimonio Culturale come difesa dell’identità.
Il Convegno sviscererà numerosi aspetti legati al tema del RISPETTO.
Il rispetto di sé e dell’altro è alla base di ogni forma di convivenza civile, nell’ambito della Famiglia, nell’ambito della Scuola, nell’ambito della coppia, nell’ambito della Comunità di riferimento. 
L’educazione al rispetto è un modo di pensare e di agire plurale. Il rispetto è il sentimento di stima e di considerazione della dignità e del valore di una persona. 
E l’educazione al rispetto, come progetto nella scuola e nelle famiglie, si traduce in strumento contro la violenza e le discriminazioni. 
Educare al rispetto si connota come educazione alla parità tra i sessi ed alla prevenzione della violenza di genere. E si tratta anche di un percorso educativo importante per i ruoli familiari e per l’impegno sociale e per il mondo del lavoro, a cominciare dall’uso del linguaggio più appropriato nella comunicazione interpersonale.
In un museo non si poteva non trattare, infine, il valore del rispetto del patrimonio culturale, che si traduce in azioni sul campo per sostenere gli interlocutori locali a salvaguardare il patrimonio, rafforzare le attività creative e incoraggiare il pluralismo culturale.
Le Convenzioni Culturali dell’UNESCO forniscono una importante piattaforma globale per la cooperazione internazionale e stabiliscono un sistema di governo culturale olistico basato sui Diritti Umani e sui valori condivisi. Questi trattati internazionali intendono proteggere e tutelare il patrimonio culturale e naturale del nostro pianeta come i siti archeologici antichi, il patrimonio immateriale sottomarino, le collezioni dei musei, le tradizioni orali e altre forme di patrimonio. 
Il “Rispetto” è anche questo. E se il patrimonio culturale è matrice di identità e strumento di sviluppo, rispettare il patrimonio culturale significa difendere la conoscenza e l’identità e porre le basi per lo sviluppo di un territorio e di una comunità.  

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento