SAN SEVERO – IL 29 APRILE “I NOSTRI INCONTRI” ALLE SUORE SACRAMENTINE DI BERGAMO

1.578 visualizzazioni

I NOSTRI INCONTRI

lunedì 29 aprile 2019, ore 18.00   

presso l’Auditorium della Scuola Paritaria dell’Infanzia e Primaria “Suore Sacramentine di Bergamo” in San Severo:

Attraversare la preadolescenza e l’adolescenza con i ragazzi:

uno slancio fiducioso verso il futuro

Lettura Magistrale della Professoressa Alessandra Augelli, Docente di Pedagogia della famiglia presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore, Sede di Piacenza

“dal latino: adolesco, adolescis, adultum, adolescere: crescere. Si fa presto a dire ADOLESCENZA” osserva il dott. Nicola Fuiano.

Ma chi sono gli adolescenti?

“Se pensiamo alla popolazione di età compresa tra 11 e 18  anni, in Italia gli adolescenti sono 4.600.000, di cui 2.400.000 i maschi e 2.200.000 le femmine, e ben 300mila in situazione di povertà assoluta. Ma al di là dei dati statistici, emerge un problema estremamente preoccupante, quello del disagio emotivo che coinvolge l’ 80% degli adolescenti che fortemente sentono bisogno di sostegno psicologico – continua il Pediatra dott. Fuiano – che trova del tutto impreparati e inadeguati sia le famiglie che il mondo della scuola. Di qui la risposta paradossale degli adolescenti che finiscono col valorizzare la relazione tra pari perché sentono il mondo degli adulti (famiglia e scuola) lontano e poco responsivo”

Quali conseguenze può scatenare il disagio adolescenziale?

Ci risponde il dott. Fuiano: “una vera e propria malattia, con disturbi neuropsichiatrici, suicidio, dipendenze da alcool e fumo”.

Quale il vero ruolo dell’ adulto ?

Ancora il dott. Nicola Fuiano: “trovo particolarmente utile una considerazione di Alessandro D’Avenia che ricorda come l’adolescente non è malato né pazzo, ma è chiamato ad affrontare una situazione del tutto nuova: stare al timone senza più la barriera di protezione del genitore”, “così che – continua Fuiano – “in questo momento della crescita dei nostri ragazzi siamo chiamati a prestar loro maggiore attenzione perché trovino in se stessi la soluzione che consenta loro di venir fuori dal caos adolescenziale. Molta capacità di ascolto, molta attenzione, meglio se con l’aiuto del Pediatra che può e deve svolgere una preziosa attività di prevenzione ed educazione finalizzata a migliorare la comunicazione tra genitori e figli.” 

Potrebbero interessarti anche...