SAN SEVERO – Il Sindaco Miglio: “Tricarico con il suo pressapochismo crea allarmismi ingiustificati”

663 visualizzazioni
“Mostrarsi agli elettori completamente a digiuno di questioni amministrative dà prova della pochezza e della superficialità con cui si affronta la cosa pubblica, che è, al contrario, approfondimento, studio, analisi, problem solving e proposta. Quella che questa Amministrazione ha provato a mettere in campo, risolvendo questioni ostiche che si trascinavano da decenni e lasciate in eredità alle generazioni future, su cui noi per la prima volta siamo intervenuti, mettendo una parola chiara”. Così il sindaco Francesco Miglio in replica a “quei candidati che hanno fatto dell’allarmismo ingiustificato e del discredito gli unici argomenti di dibattito in questa campagna elettorale”.
In particolare Miglio interviene sulle tematiche ambientali, specificatamente sulla faccenda dei 9 aerogeneratori, cd. ‘pale eoliche’, in via di realizzazione in agro di San Severo, “sui cui giova riepilogare i fatti e restituire verità ai cittadini” dichiara il sindaco.
“Si tratta, come noto, di una vicenda che prende le mosse nel 2009, allorquando la società La Margherita srl fa istanza in Regione Puglia per l’installazione di ben 59 aerogeneratori in agro di San Severo, impugnando dinanzi al Tar il rigetto. Il Tribunale Amministrativo regionale accoglie il ricorso motivandolo con l’assenza, sul territorio regionale, di un Piano di tutela paesaggistica funzionale a costituire impedimento alla suddetta istanza, e, nel contempo, ordina la riapertura della procedura. In un primo momento, in sede di Valutazione di Impatto Ambientale, gli enti preposti esprimono parere favorevole all’installazione di 39 aerogeneratori”. 
“Successivamente, insediatosi presso la Provincia di Foggia il sottoscritto, in sede di VIA, Comune di San Severo, Provincia di Foggia e Sovrintendenza esprimono parere favorevole per 9 aerogeneratori. Da 39 a 9!”. “Questa è la situazione che ci siamo trovati a dover fronteggiare atteso che il Tar aveva chiaramente detto che fino a quando non ci saremmo dotati di piano di tutela paesaggistica, non avremmo potuto impedire l’installazione di aerogeneratori”.
Cosa che il Comune di San Severo si è affrettato a fare: “Allorquando la Regione Puglia si è dotata di un PPTR, noi abbiamo adeguato immediatamente  ad esso il nostro Piano Urbanistico Generale, unica amministrazione pugliese a farlo. Questo comporta che, d’ora in poi, per tutti i vincoli paesaggistici entrati nel nostro Piano Urbanistico, tutte le domande che dovessero pervenire in tema di pale eoliche, non potranno essere assentite in forza della delibera passata in consiglio comunale qualche giorno fa – mi preme dirlo- con il voto favorevole della sola maggioranza! Pertanto, da questo momento in poi, aerogeneratori su questo territorio non se ne installeranno più! QUESTA E’ TUTELA!”. 
“La cosa è tanto vera che, a stretto giro, alcune società hanno impugnato la delibera dinanzi al Tar. Noi ci costituiremo e difenderemo strenuamente quella delibera votata dalla sola maggioranza! Dov’era il consigliere di ‘Città Civile’, Matteo Pazienza? Non pervenuto in aula. Ma, al netto di questo, vuole ora ‘Città Civile’ difendere assieme a noi questo deliberato piuttosto che veicolare allarmismo e disinformazione? Tanto più che le cose  scritte dal sig. Tricarico appaiono intercettate superficialmente, in qualche chiacchiera di bar, atteso che agli atti dell’ufficio non risulta alcun accesso né da parte del consigliere Pazienza né da parte del sig. Tricarico. Come fa lui a parlare di procedure amministrative, di atti di cui non ha preso visione? Consiglio, pertanto, una lettura più approfondita delle faccende amministrative e mi rendo sin d’ora disponibile a spiegargliele”.
“Resterà sopreso – aggiunge Miglio- quando scoprirà che non solo siamo riusciti a contenere il danno di cui sopra, ma per quei 9 aerogeneratori otterremo due insperate compensazioni ambientali a totale carico dell’impresa. E si tratta di compensazioni storiche. La Margherita srl, infatti, si adopererà per l’interramento dell’elettrodotto allocato nel quartiere di San Berardino che tanto inquinamento elettromagnetico sta producendo da decenni, come confermato da studi epidemiologici. 
Le amministrazioni che si sono succedute nel tempo ci hanno tutte provato, noi lo faremo. Con spese a totale carico dell’impresa! Un risultato storico a cui si aggiunge un secondo intervento di compensazione a carico della ditta: la manutenzione per vent’anni del Parco Baden Powell, il più grande della città. Nei prossimi giorni sarà sottoscritta la convenzione”.
“E’ o non è questo difendere gli interessi del proprio territorio e la salute dei propri concittadini? – conclude Miglio-. La verità è che questa Amministrazione ha fatto i fatti ma le chiacchiere sono sempre troppe. Soprattutto da parte di chi si candida a governare la cosa pubblica. Studiare è un dovere in questi casi”.

Potrebbero interessarti anche...