SAN NICANDRO GARGANICO – AL VIA I FESTEGGIAMENTI PER I SANTI PATRONI NICANDRO, DARIA, MARCIANO

1.950 visualizzazioni

SAN NICANDRO GARGANICO:

AL VIA I FESTEGGIAMENTI PER I SANTI PATRONI NICANDRO, DARIA, MARCIANO

di: Gino Carnevale

La città di San Nicandro Garganico si appresta ad aprire i battenti per la Festa patronale in onore dei suoi tre Santi Nicandro, Daria e Marciano.

Nicandro e Marciano erano due valorosi soldati romani, probabilmente originari della Mesia (l’odierna Bulgaria), di stanza a Venafro. Secondo la tradizione Daria era la moglie di Nicandro.

Pur consapevoli dei rischi che comportava la loro scelta, abbracciarono la religione cristiana. Furono arrestati e condannati a morte per non aver voluto rinnegare la loro fede il 17 giugno del 303.

Il Martirologio Romano in realtà riporta il martirio di Nicandro e Marciano (avvenuto il 17 giugno), ma non quello di Daria, la cui figura trova riscontro prevalentemente nella leggenda popolare.

Si narra infatti che Nicandro rifiutò di sacrificare agli dei pagani confermando la fede in Cristo, proprio dietro incoraggiamento di sua moglie. Daria sarà poi martirizzata qualche giorno dopo ma il Martirologio Romano non ne fa menzione.

L’inno ai SS. Martiri fu composto a Venafro nel 1881 dal compositore e musicista venafrano Domenico Criscuolo. Nella processione del 18 giugno i momenti più emozionanti e suggestivi si susseguono nelle diverse soste dove il popolo venafrano scioglie “di lode un cantico ai prodi eroi magnanimi…” accompagnati dal complesso bandistico nelle varie fermate. È un inno popolare che esorta a onorare e imitare il modello di vita dei santi martiri nella gloria di Dio, sottolineando il forte e primitivo attaccamento del popolo venafrano nei loro confronti. L’inno fu introdotto sul finire dell’Ottocento e fatto cantare nelle scuole cittadine, da allora di generazione in generazione si è trasmesso ai tempi nostri ed è conosciuto, oltre che a Venafro, anche dai cittadini dei comuni limitrofi. Ecco le parole dell’inno:

Sciogliam di lode un cantico,
o popol venafrano,
a’ prodi eroi magnanimi
Nicandro, Marciano!

E a lei che di vittoria
La palma riportò;
e a lei che forte intrepida
lo sposo pareggiò.

Ben tra gli astri o incliti,
regnate in sull’Empiro
ove drizzaste fervidi
i passi e il desiro.

Dhe! Ci reggete impavidi
sani di mente e cor,
di mente e cor,
finché di Dio la gloria
per Voi godrem,
godremo ancor!

Finché di Dio la gloria
per voi godremo godremo ancor
Per voi godremo
per voi godrem
per voi godremo
godremo ancor!

Finché di Dio la gloria
per voi godremo godremo ancor
per voi godrem
per voi godrem
per voi godremo
godremo ancor!

 

Quindi San Nicandro Garganico è pronta! Cambio di rotta negli ultimi mesi. La conduzione e l’organizzazione passa alla Pro-Loco con un gruppo fortemente motivato e deciso a farci rivivere le emozioni di un tempo ma soprattutto  dare ai sannicandresi e ai suoi tre Santi Patroni una Festa degna di rispetto.

Partecipazione da parte di tutti. Si è ritornati a donare per vedere realizzata una Festa che negli anni passati veniva nominata ovunque e che quest’anno senza ombra di dubbio con i suoi ospiti e con il suo programma darà un risultato positivo.

Al suo interno tanti appuntamenti e soprattutto tanta attenzione al territorio.

Si parte venerdì 14 e termina martedì 18 giugno. Dicevamo di una bella organizzazione. Sabato 15 un grande evento caratterizzerà la Festa Patronale: Piazza IV Novembre sarà testimone del “GALA DELLO SPORT” con super ospiti, Stefano Tacconi e Claudio Chiappucci.

Terminerà martedì 18 con il super ospite Enrico Ruggieri sempre il Piazza IV Novembre.

 

Gino Carnevale

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento