FOGGIA – Adiconsum chiede incontro con il Sindaco ed il Presidente di Amiu Puglia: “La raccolta differenziata così non va. Si intervenga subito!”

351 visualizzazioni
“Chiedo un incontro urgente con il Sindaco di Foggia Franco Landella e con il Presidente di AMIU Puglia Sabino Persichella perché chiariscano a che punto è la raccolta differenza nella città capoluogo. Le centinaia di segnalazioni e di lamentele pervenute ai nostri uffici ci impongono un intervento rapido e deciso”.
E’ la richiesta di Giovanni d’Elia, Presidente dell’Adiconsum di Foggia.
“Ci pervengono segnalazioni di inefficienza gravissima verso l’AMIU Puglia con cassonetti della raccolta differenziata stracolmi, in particolare nelle zone periferiche, tanto da rendere impossibile lo smistamento dei rifiuti differenziati – precisa D’Elia – Altri sono pieni di sacchetti di indifferenziata, senza tralasciare le condizioni al limite della invivibilità di alcune strade di Foggia, che si presentano stracolme di rifiuti ai bordi dei cassonetti, alcuni dei quali fatiscenti e mai sostituiti, come accaduto nei mesi scorsi in altre zone della città. In più, i marciapiedi sono sporchissimi e tantissimi foggiani sono costretti a vere e proprie gimcane per scansare, oltre alle buche ataviche e mai sistemate, gli escrementi di cani disseminati ovunque. Una situazione che peggiora di giorno e giorno e che si ripercuote sulle tasche dei cittadini che potrebbero beneficiare non poco della differenziata, in termini salutari ed economici, raggiungendo gli obiettivi previsti dal Piano Regionale dei Rifiuti che vede Foggia agli ultimi posti. Ora chiediamo all’AMIU Puglia che si diano risposte all’emergenza e che sulla differenziata l’azienda attui un piano efficace di informazione, formazione e promozione verso la cittadinanza, costituendo un tavolo permanente con la presenza delle associazioni dei consumatori, delle forze sociali, delle imprese, del mondo della scuola e delle famiglie, oltre che potenziare lo stesso servizio di raccolta in tutti i suoi aspetti”.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento