BASKET – SERIE A2 – Luci al Pala Falcone e Borsellino: Arriva Imola e la Allianz Pazienza chiede il bis!

429 visualizzazioni
er la prima in casa serve l’abito elegante. È un po’ come il primo appuntamento: la camicia senza grinze, la cravatta giusta, un profumo accattivante… Del resto questa A2 la Allianz l’ha già conosciuta: un  approccio in Supercoppa, poi la prima all’Allianz Cloud (ex Palalido), combattuta, sofferta e gratificante nel punteggio finale… E comincia ad essere interessante non poco!

Il Palacastellana ricorda ancora le gesta di Childress e Dickens, ma non dimentica quell’infausta stagione piena di dolori e scarna di gioie ed è per questo che tutti hanno lavorato perché non si ripeta più. Sotto l’abito della festa, dunque, c’è la mimetica d’assalto perché quest’anno l’obiettivo è la permanenza e per salvarsi tocca sporcarsi le mani e sbucciarsi le ginocchia, come del resto hanno già dimostrato Kennedy e co. in quel di Milano. A San Severo scende una compagine esperta della categoria, abituata alla lotta per la “sopravvivenza” e già ferita per la sconfitta casalinga rimediata all’esordio. Il confermato coach di Paolantonio, l’esperto playmaker Fultz ed il funambolico Bowers sono le uniche conferme di un Roster piuttosto solido per struttura fisica ed esperienza. Il reparto piccoli oltre ai succitati annovera atleti del calibro di Valentini ( classe 1997 ex Oleggio) Baldasso (che nonostante i suoi 24 anni vanta già un curriculum da veterano per la categoria contraddistinguendosi per la sua versatilità che lo porta a ricoprire indifferentemente gli spot di 1-2-3) e l’under albanese Taflaj, alternato al pari età Ivanaj.Ma è sotto le plance dove gli emiliani incutono maggior timore grazie  all’esperienza di Masciadri, alla verticalità e all’atletismo di Morse ( miglior rimbalzista della Serie A2 Old Wild West 2018/2019, con ben 10.1 rimbalzi di media) ed alla stazza di Ingrosso, col giovane Calvi in rampa di lancio.

I Neri hanno “assaggiato” il calore del pubblico già nel Cloud meneghino ma si aspettano il classico bagno di folla complice l’ulteriore entusiamo generato dal colpo gobbo di sabato scorso. Coach Cagnazzo ha ruotato quasi equamente 9 giocatori dimostrandone l’intercambiabilita e la disponibilità a scelte tattiche che, specie nell’ultimo quarto, hanno sovvertito le sorti del match.

San Severo sta imparando a sognare e non vuol svegliarsi proprio adesso…

Appuntamento a domenica 13 ottobre con palla a due alle ore 18.00 e direzione arbitrale affidata a Claudio di Toro di Perugia, Andrea Valzani di Milano e Paolo Puccini di Genova. Diretta streaming su LNP Pass.

Umberto d’Orsi
Ufficio Stampa Cestistica Città di San Severo

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento