SAN PAOLO DI CIVITATE – PER UN DEBITO DI DROGA FERI’ UN SUO CLIENTE CON UN COLPO DI PISTOLA, FERMATO DAI CARABINIERI!

966 visualizzazioni
 

 

SAN PAOLO DI CIVITATE: PER UN DEBITO DI DROGA FERI’ UN SUO CLIENTE CON UN COLPO DI PISTOLA, FERMATO DAI CARABINIERI.  

Proverrebbe da un debito di droga di qualche migliaio di euro il tentato omicidio di CILLA Antonio cl. 90, avvenuto la sera dello scorso 07 febbraio, davanti a un bar nel comune di San Paolo di Civitate. Gli Investigatori della Compagnia di San Severo, hanno rapidamente individuato movente ed esecutore materiale del grave delitto. Ancora una volta il traffico di droga alla base di tutto. I carabinieri sono giunti all’identificazione del soggetto grazie alle immediate investigazioni che, sin da subito, hanno consentito di acquisire numerosi elementi nei confronti di un pregiudicato di San Severo che, dopo un acceso diverbio con la vittima, avrebbe estratto la pistola e fatto fuoco. Il colpo esploso ha ferito il CILLA alle gambe e, solo per un caso fortuito, non ne ha causato la morte. Il ferito, prontamente soccorso da alcuni giovani del luogo, è stato trasportato al pronto soccorso dell’ospedale di San Severo e, successivamente, trasferito presso l’ospedale di San Giovanni Rotondo. L’indagine, condotta dalla Sezione Operativa della Compagnia Carabinieri, ha dato i suoi frutti in pochi giorni, gli investigatori hanno scandagliato la cittadina dell’alto tavoliere e hanno acquisito le immagini di tutti i circuiti di videosorveglianza potenzialmente utili; nel contempo hanno escusso numerose persone informate sui fatti e hanno incrociato i dati raccolti. I successivi approfondimenti, effettuati anche con servizi di pedinamento e controllo hanno permesso di appurare che il sospettato, subito dopo aver consumato il delitto, si è reso irreperibile con il preciso scopo di evitare controlli e/o perquisizioni che potessero dare ai Carabinieri ulteriori schiaccianti indizi. Tuttavia, le numerose fonti di prova raccolte sull’uomo, comunicate costantemente al Pubblico Ministero della Procura della Repubblica di Foggia, hanno cementato l’evento e spinto l’Autorità Giudiziaria a emettere un Fermo d’indiziato di delitto nei confronti del sanseverese, ritenuto responsabile dei reati di Tentato Omicidio; Detenzione di Armi e Tentata Estorsione. L’esecutore materiale è stato catturato dai Carabinieri e tradotto presso la Casa Circondariale di Foggia. L’atto di Fermo, emesso dalla Procura della Repubblica di Foggia è stato convalidato dal  G.I.P. e il giovane è rimasto ristretto presso l’istituto penitenziario.                                     

Potrebbero interessarti anche...