APRICENA – “Salinella – Le risorse dell’acqua” dell’apricenese Pasquale William Sforza conquista il “Villard 21”

525 visualizzazioni
“Salinella – Le risorse dell’acqua” dell’apricenese Pasquale William Sforza conquista il “Villard 21”
 
Con grande orgoglio, il Sindaco di Apricena, Antonio Potenza, e l’Amministrazione tutta, sono onorati di inserire nella rosa delle eccellenze apricenesi un altro nostro giovane concittadino, Pasquale William Sforza, e sono lieti di presentarlo ufficialmente alla propria città.
Pasquale William Sforza è il giovane vincitore del Primo Premio per il progetto “Salinella – Le risorse dell’acqua”, creato in collaborazione con lo studente abruzzese Roberto Monticelli. Il tutto con la supervisione di un altro grande professionista, il professore-architetto apricenese Domenico Potenza, nella culla della architettura pescarese. 
Ma cosa è questo premio? Perché Salinella? In che contesto lo inseriamo? Il percorso che ha condotto il nostro Sforza al traguardo suddetto è derivato dal “Seminario Itinerante Internazionale Villard 21”, giunto alla sua 21ª edizione, che, anche quest’anno, ha richiesto alle scuole di Architettura coinvolte nella rete, proposte progettuali per la rigenerazione di una città costiera. La città prescelta Taranto, individuata per i tanti problemi di natura sociale, economica e politica, che la interessano, e il tema da sviluppare “Villard 21-Taranto: From social housing to social habitat, nuove orme dell’abitare comune”.
Sotto il tema portante di Taranto, l’Università “Gabriele d’Annunzio” di Chieti-Pescara, ha sviluppato i nuclei progettuali sui quartieri Salinella, Paolo VI e Tamburi (quest’ultimo particolarmente significativo per la vicinanza al polo siderurgico) e li ha presentati con il titolo “Un progetto di suolo per l’adattamento dell’esistente. Quartieri Salinella, Tamburi, Paolo VI”. Netta la prevalenza degli argomenti dell’adattamento ai cambiamenti climatici, del progetto di paesaggio come tran-scalare e multi-scalare, della necessità di costruire un nuovo habitat, abbinati alle proposte di interventi in nodi cruciali della città, per difenderla dalle bombe d’acqua, per contribuire alla mitigazione dell’inquinamento, per enfatizzare gli spazi dell’abitare e sperimentare nuove forme di condivisione, in linea con il pensiero di Vitruvio, per il quale «l’architetto deve essere in grado di giudicare tutte quelle opere che le singole arti costruiscono».
Dal 23 al 25 luglio, in modalità smart working come imposto dal Covid 19 ed organizzata dalla Università Politecnica delle Marche, la parte conclusiva del Villard, ha visto la presentazione di tutti i lavori e la premiazione da parte della giuria, definita dai professori Davide Servente, Lorenzo Dall’Olio, Carlo Palazzolo, Piero Ostilio Rossi e dall’architetto Ubaldo Occhinegro, e ha conferito il Primo Premio come miglior progetto urbano, ovvero un riconoscimento al Progetto generale dell’Università “Gabriele d’Annunzio” di Chieti-Pescara, alla proposta “Un progetto di suolo per l’adattamento dell’esistente. Quartieri Salinella, Tamburi, Paolo VI”, e altri due riconoscimenti su progetti singoli: il Primo Premio per il progetto “Salinella. Le risorse dell’acqua” di Pasquale William Sforza e Roberto Monticelli, e una Menzione d’Onore per la proposta “Paolo VI. Riabitare l’esistente” di Cristian Orsino e Giorgio Pio Morganella.
«Si tratta» – spiegano meglio i vincitori dell’ultima edizione del Seminario Internazionale Villard – «di un seminario itinerante giunto alla 21. edizione che ogni anno coinvolge molte delle università italiane in progetti di rigenerazione urbana. Si parte dalla città in esame e da lì si avvia un viaggio che durante l’anno accademico incrocia nelle varie sedi universitarie coinvolte occasioni di confronti, meeting, convegni, workshop, escursioni».
Ma… conosciamoli meglio gli studenti dell’Università “Gabriele d’Annunzio” di Chieti-Pescara, ben condotti dai docenti Matteo di Venosa, Michele Manigrasso e Domenico Potenza! I loro nomi sono: Roberto Monticelli, Matteo Almonti, Cristian Orsino, Elena Perrone e Giorgio Pio Morganella … questi ultimi due studenti pugliesi … e il nostro Pasquale William Sforza!!!
Ad ottobre, in occasione del lancio della nuova edizione, è in programma la mostra dei lavori al Comune di Taranto e l’avvio dei lavori di pubblicazione dell’intero seminario.
Con questa vittoria all’unanimità, il Dipartimento abruzzese sale sul gradino più alto, aggiudicandosi diversi riconoscimenti.
E, con questa vittoria, nel solco di una tradizione di personaggi di qualità, il Sindaco di Apricena non può non essere fiero del “suo Sforza” e si onora di rinnovargli una testimonianza affettuosa e di stima e di augurargli una carriera luminosa.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento