CALCIO SERIE C – TERNANA PIÙ FORTE. IL FOGGIA SI ARRENDE

321 visualizzazioni

Di Lino Mongiello

FOGGIA-TERNANA 0-2
FOGGIA (3-5-1-1): Fumagalli 6; Germinio 5, Gavazzi 5 (1’ st Galeotafiore 5.5), Del Prete 6; Kalombo 5.5, Garofalo 6, Salvi 5.5 (1’ st Morrone 6), Rocca 6, Agostinone 5 (1’ st Di Jenno 5.5); Curcio 5 (1’ st Dell’Agnello 5); D’Andrea 5.5 (20’ st Nivokazi 5).
In panchina: Di Stasio, Vitale, Anelli, Moreschini, Iurato, Pompa, Cardamone.
Allenatore: Marchionni 5.5.
TERNANA (4-2-3-1): Iannarilli 6; Defendi 6.5 (31’ st Laveronesv), Kontek 6.5, Boben 6.5 (21’ st Suagher 6), Frascatore 6; Damian 6, Palumbo 7 (36’ st Salzano sv); Partipilo 6.5 (21’ st Peralta 6), Falletti 7, Furlan 6.5; Raicevic 7 (31’ st Ferrante sv).
In panchina: Vitali, Celli, Mammarella, Vantaggiato, Torromino, Russo, Paghera.
Allenatore: Lucarelli 6.5.
ARBITRO: Rutella di Enna 6.5.
RETI: 26‘pt Raicevic, 18’ st Partipilo
NOTE: giornata quasi primaverile, terreno in buone condizioni.Ammoniti: Boben, Agostinone, Partipilo, Morrone. Espulso Del Prete al 48’ st per doppio giallo. Angoli: 1-8. Recupero: 1′, 5′. Osservato 1’ di raccoglimento in memoria di Mauro Bellugi. Partita giocata a porte chiuse nel rispetto del protocollo anti Covid.

Foggia, 21 febbraio 2021. Terza sconfitta di fila per il Foggia che allo Zaccheria deve soccombere alla imbattuta capolista (0-2). Sulla gara c’è ben poco da dire. La Ternana ha confermato, ove ce ne fosse ancora bisogno, di strameritare il primato. Troppe le differenze in campo tra le due formazioni. Il Foggia, d’altra parte, paga anche una condizione fisica che da qualche settimana ne ha condizionato il rendimento. E quando non ci sono le gambe diventa difficile se non impossibile tener testa alle autentiche corazzate incontrate negli ultimi tre turni. E nel prossimo ci sarà il derby di Bari, al San Nicola. La sconfitta, come detto, ci sta tutta. Il Foggia, replicando Avellino, non s’è quasi mai visto, annichilito dalla forza prorompente della squadra umbra, bella da vedere. Nettamente superiore in tutti i reparti: solida in difesa, ordinata a centrocampo, devastante in attacco. Gavazzi e compagni sono andati ben presto in tilt ed hanno evidenziato errori su errori in fase di impostazione bassa. A furia di concedere possibilità prima o poi la gara doveva per forza sbloccarsi. La prima indecisione è di Rocca col debole retropassaggio al portiere sul quale, s’inserisce Partipilo (9’) che però tutto solo davanti a Fumagalli lo grazia calciando fuori. Il secondo e decisivo errore è di Gavazzi in fase di disimpegno. Stavolta però Falletti ne approfitta e serve Raicevic (26’) al centro dell’area piccola. L’attaccante umbro ferma la sfera e la gira in rete. Tocca pure a Germinio sbagliare l’appoggio a un compagno e innescare la superiorità numerica della Ternana. Falletti e Partipilo si scambiano la sfera in velocità, e concedono la conclusione dell’azione a Raicevic (36’) ma Fumagalli si rifugia in angolo. Il Foggia annaspa e non riesce ad affacciarsi dalle parti di Iannarilli. L’unica occasione, prima del termine dei primi 45’ giunge dal calcio di punizione di Curcio sul quale Del Prete (42’) gira di testa poco lontano dal palo. Marchionni non è per nulla contento della prova dei suoi e si agita in panchina. Ad inizio ripresa cambia ben quattro uomini. Galeotafiore, Dell’Agnello, Di Jenno e Morrone in campo mentre Gavazzi, Curcio, Agostinone e Salvi rimangono negli spogliatoi. Nonostante le forze fresche non cambia l’esito del match. Anzi la Ternana è ancora più vivace e continua a dare spettacolo. Defendi (12’) meriterebbe il gol dello 0-2, evitato da un grande Fumagalli, per la bellezza dell’azione. Ma il raddoppio è rinviato di qualche istante. Palumbo dal corner mette in mezzo e Partipilo (18’) di testa fa secco Fumagalli. Sotto di due gol e incapace di penetrare nelle maglie dell’organizzata capolista soffre il Foggia. Potrebbe incassare anche la terza marcatura evitata da Fumagalli con l’aiuto del palo su Palumbo (26’) e, per chiudere in “bellezza”, Del Prete (48’) rimedia un inutile secondo giallo e la conseguente espulsione che gli impedirà di disputare il derby col Bari.

Potrebbero interessarti anche...