FOGGIA – La guerra per il Mezzogiorno. Una nuova prospettiva sul brigantaggio e sul processo postunitario

426 visualizzazioni

Lunedì 13 settembre 2021, alle ore 18 nella sala “Rosa del Vento” della Fondazione, in via Arpi 152, si terrà la presentazione del volume “La guerra per il Mezzogiorno. Italiani, borbonici e briganti. 1860-1870” (Laterza, Roma-Bari 2019) del professor Carmine Pinto.

Alla presentazione prenderanno parte il presidente della Fondazione, prof. Aldo Ligustro, e il prof. Michele Presutto, presidente del comitato provinciale di Foggia dell’Istituto per la Storia del Risorgimento italiano. Dialogheranno con l’autore il prof. Saverio Russo, ordinario di Storia moderna presso l’Università degli Studi di Foggia e il prof. Giuseppe Clemente, dell’Istituto per la Storia del Risorgimento italiano.

Con questo importante saggio, il prof. Carmine Pinto, vincitore della IX edizione del Premio Capitanata, offre una prospettiva sulla guerra di brigantaggio che innova interpretazioni fino a oggi date per acquisite, grazie alla novità dei materiali e dei documenti usati e alla vastità delle ricerche compiute. Il brigantaggio fu l’eroica resistenza meridionale al colonialismo sabaudo o la sfida allo Stato di bande criminali? Un volume in cui vengono confutate una serie di leggende che una valanga di pubblicazioni di vasto successo, anche se inconsistenti, hanno contribuito ad alimentare.

Carmine Pinto è ordinario di Storia contemporanea presso l’Università degli Studi di Salerno. Nel gennaio 2021 il Ministero per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo lo ha nominato Direttore nazionale dell’Istituto per la Storia del Risorgimento italiano. Si è occupato di storia politica dell’Italia repubblicana e si interessa della guerra e dei conflitti civili nella formazione degli stati nazionali mediterranei e latino americani nel XIX secolo. Attualmente la storia del Mezzogiorno italiano è al centro del suo lavoro di ricerca, con particolare attenzione al Risorgimento e al brigantaggio postunitario italiano. Con il saggio “La guerra per il Mezzogiorno” si è aggiudicato il “Premio letterario Basilicata”, il Premio “Fiuggi Storia”, il “Premio Città di Montesano”, il Premio “Sele d’Oro”, il Premio “Rende Book Festival” e il “Premio letterario Città di Siderno”.

L’ingresso in sala sarà consentito solo ai possessori di Green Pass e sarà contingentato (35 posti massimo). Uso delle mascherine e distanziamento obbligatori.

Potrebbero interessarti anche...