TORREMAGGIORE – INAUGURATO IL PARCO “PROF. REMO FUIANO”. UNO SPAZIO PER LE FAMIGLIE ED I BAMBINI CHE ARRICCHISCE LA CITTA’

648 visualizzazioni
Si è tenuta domenica 21 novembre 2021 la cerimonia di inaugurazione del Parco “Prof. Remo Fuiano”, ricco di un viale alberato, di panchine e di un parco giochi per i più piccoli anche disabili, sito in viale XXV aprile, a Torremaggiore.
 
Un omaggio più che dovuto, il Parco “Prof. Remo Fuiano”, alla memoria del Prof. Fuiano, Padre esemplare, stimato Uomo di Cultura, apprezzato Docente, valente Preside, Presidente Diocesano degli Uomini di Azione Cattolica, Autore di Testi di Letteratura Italiana e di Letteratura Latina, che il Ministero della Pubblica Istruzione onorò conferendogli la Medaglia al Merito Distinto.
 
Il Parco si deve all’impegno e all’abnegazione del dott. Nicola Fuiano in interazione con l’Amministrazione Comunale di Torremaggiore.
 
Figlio dell’indimenticato prof. Remo Fuiano, Nicola, stimato pediatra e allergologo, autore di 135 lavori scientifici, più volte Relatore a Congressi di Società Scientifiche Nord-Americane, Europee, Italiane, ha voluto così celebrare la figura dell’amato padre, “Maestro di Dottrina e Vita, perchè la sua memoria trasmetta ai giovani la gioia dell’esistenza”, allo stesso tempo testimoniando la propria vicinanza alle centinaia di famiglie di Torremaggiore che da decenni si avvalgono dello stimato professionista.
 
Dopo il rito religioso curato da don Massimo Gagliardi ed il saluto del Sindaco Emilio Di Pumpo, alla presenza degli assessori Luigi Schiavone, Lucia Di Cesare e Ilenia Coppola, e del dottor Nicola Fuiano, la cerimonia ha visto il taglio del nastro tricolore, la lettura di pagine di memoria del prof. Remo Fuiano a cura di due studentesse del Liceo “Fiani-Leccisotti” di Torremaggiore, e lo scoprimento della targa che intitola il Parco.
 
Numerosissime le famiglie e le scolaresche; i rappresentanti del Centro Attività Culturali “Don Tommaso Leccisotti” di Torremaggiore, le Delegazioni dell’ AVIS cittadina e di San Severo, con i propri gonfaloni; gli Scout con i Lupetti e i Castorini.
 
Nel parco abbiamo notato altalene, girotondi, scivolo ed altri giochi per i più piccoli, tanto funzionali quanto graziosi esteticamente. Non mancano i cestini per la raccolta dei rifiuti disposti per le modalità della raccolta differenziata e di diverso colore, e pure i cartelli con indicazioni scritte che ricordano la fruibilità dello spazio dedicato ai più piccoli e non agli animali domestici.
 
La struttura rivaluta la zona, arricchisce la città e riapre alla vita sociale, in risposta anche alle conseguenze e limitazioni dettate dalla pandemia di Covid ’19, che ha duramente provato la vita sociale e le relazioni. Hanno contributo all’iniziativa le ditte Alterego, Costanzelli e Vintage.
 
Posto tra viale XXV aprile e viale Due Giugno, il Parco riesce valido ricordo di fondamentali momenti della Storia Nazionale e della nascita della nostra Repubblica che videro Remo Fuiano, strappato dalle aule universitarie, partire giovanissimo per il secondo conflitto mondiale, onorato della Croce di guerra e del “distintivo della guerra di liberazione”.
 
A scandirne la memoria, il dottor Fuiano ha proposto il brano musicale “Verde”, che ricorda la travagliata vicenda dei ragazzi della Val d’Ossola, dei loro “Quaranta giorni di libertà”, purtroppo trucidati dai tedeschi, e l’ Inno di Mameli.
 
Il pensiero corre, infine, al Generale Sabino Di Pumpo, anch’ Egli nobile figura di Torremaggiorese, medaglia d’oro al valor militare, cognato del Prof. Remo Fuiano, e ricordato proprio nello stesso quartiere con una strada a lui intitolata

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento