CALCIO – SERIE C – IL FOGGIA S’ILLUDE, MA VA ANCORA KO

702 visualizzazioni

DI LINO MONGIELLO

Potenza, 3 febbraio 2022. Il Foggia prosegue la striscia negativa e inanella il terzo ko di fila perdendo anche a Potenza (2-1) ultima in classifica. Era da ben tre mesi che la formazione lucana non riusciva ad incamerare i tre punti e così ci ha pensato la compagine di Mr. Zeman a rianimarla. Nelle ultime tre gare il Foggia è stato capace di perdere (e male) contro squadre che erano sotto in classifica e adesso la zona play off è in pericolo. Sicuramente le attenuanti non mancano. In primis le numerose ed importanti assenze di uomini di primo piano. Poi anche la rivoluzione della rosa a disposizione del tecnico boemo. Ma nonostante tutto, si giocava contro l’ultima della classe, in netta difficoltà dal punto di vista morale. Al contrario, tra i rossoneri, a parte la solita volontà di far bene, è stata evidenziata tanta confusione e poca propensione al collettivo. C’è da lavorare tantissimo e a Zeman spetta un difficile compito: far integrare al più presto negli schemi i nuovi arrivati e sperare di poter recuperare gli indisponibili. Intanto il tempo è inesorabile e il calendario non dà una mano ai rossoneri. Domenica si giocherà ancora. Eppure il Foggia, con Volpe al posto di Alastra nell’undici iniziale e Buschiazzo al posto di Di Pasquale, aveva cominciato abbastanza bene. In avanti Vitali, Turchetta e Merola, con Curcio in panchina, facevano un gran movimento, supportati da Rizzo e Martino. Proprio Buschiazzo (3’) di testa sfiorava il bersaglio. E Cuppone (6’) rispondeva immediatamente con un gran tiro sventato da Volpe, d’istinto. Il Foggia saliva di tono e Turchetta (9’), dopo scambio con Rocca, sfiorava la marcatura. Il tiro a giro veniva vanificato dall’intervento prodigioso di Marcone. La maggiore intensità dei rossoneri veniva premiata al 19’ grazie alla pronta girata a rete di Merola che sfruttava il servizio di Turchetta. Inaspettatamente il Foggia si scioglieva, lasciando l’iniziativa in mano al Potenza che, trascinato da Cuppone, in poco meno di 10’ ribaltava il punteggio. Il possente attaccante rossoblu (37’) scambiava con Salvemini e sferrava la rasoiata che non lasciava scampo a Volpe. Pochi minuti dopo un disimpegno sbilenco di Martino, consentiva ancora a Cuppone di servire l’assist per Burzio (44’) da mandare facile in rete. Incredibilmente la gara aveva cambiato volto. Nella ripresa le cose non cambiavano. Il Potenza falliva il tris con Salvemini (6’) lasciato solo dalla ballerina retroguardia ospite. Il Foggia provava a risalire la china ma la difesa del Potenza faceva, con mestiere, buona guardia, ricorrendo a tutte le astuzie del caso. L’unica opportunità per agguantare il 2-2 capitava al neo entrato  Curcio (38’). Dall’altezza del dischetto del rigore però colpiva il palo. Nel prosieguo dell’azione i rossoneri reclamavano per un tocco di mano di Piana, non rilevato dal Sig. Maranesi. Dopo oltre 8’ di recupero, per la verità poco giocati, arrivava il triplice fischio tra la delusione dei circa 200 tifosi giunti da Foggia.

POTENZA – FOGGIA 2-1

POTENZA  (4-1-4-1): Marcone 6; Zampano 5.5, Koblar 5.5, Piana 5.5, Dkidak 6; Bucolo 6 (25’ st  Sepe 6); Salvemini 6.5 (36’ st Romero sv), Ricci 6 (36’ st Costa Ferreira sv), Sandri 6 (10’ st Zenuni 6), Burzio 6.5 (1’ st Guaita 6); Cuppone 7. In panchina: Greco, Vecchi, Coccia, Sueva, Volpe, Zagaria, Matino. Allenatore: Arleo 6.5.

FOGGIA (4-3-3): Volpe 5.5; Martino 5, Buschiazzo 5.5, Girasole 5.5, Rizzo 5.5; Rocca 5.5, Di Paolantonio 6, Garofalo 5.5 (26’ st Gallo 5.5); Vitali 5.5, Merola 6, Turchetta 5.5 (26’ st Curcio 6). In panchina: Alastra, Nicolao, Rizzo Pinna, Tuzzo. Allenatore: Zeman 5.

ARBITRO: Maranesi di Ciampino 5.

RETI: 19’ pt Merola, 37’ Cuppone, 44’ Burzio        . 

NOTE: serata fredda, terreno sintetico. Spettatori 1.500 circa. Espunso Zampano al 48’ st per doppia ammonizione. Ammoniti: Sandri, Piana, Rocca, Bucolo, Vitali, Di Paolantonio, Gallo. Angoli: 5-4 per il Potenza. Recupero: 1′, 5′.

Potrebbero interessarti anche...